Ipoteche, crescono del 4% i mutui garantiti

Condividi
  •  
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

Secondo quanto affermano gli ultimi dati forniti dal Rapporto Mutui Ipotecari 2018 dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, sono circa 917 mila gli immobili ipotecati a garanzia di mutui nel corso del 2017, in aumento del 4% rispetto all’anno precedente, con una evidente prevalenza ipoteche iscritte in atti prettamente residenziali (57,8%): una prevalenza ancora più significativa se alla quota degli atti prettamente residenziali aggiungiamo anche gli atti plurimi e quelli residenziali misti, con la conseguenza che in questo scenario gli atti che contengono almeno una residenza salgono a oltre l’80% del totale delle iscrizioni ipotecarie.

Per quanto attiene le altre iscrizioni ipotecarie, gli atti che contengono solamente immobili non residenziali, di tipo misto non residenziale, o terziario e commerciale, sono intorno al 3%, mentre gli atti che contengono solo terreni sono al 4,6%.

L’equivalente valore monetario complessivo dei finanziamenti che risultano essere garantiti da ipoteche immobiliari nel 2017 è stato pari a 93,5 miliardi di euro, il 9,1% in più del 2016. Il dato si conferma dunque in tendenziale aumento, pur evidentemente ridotto rispetto al picco toccato nel 2007, quando furono superati i 200 milioni di euro (+ 49% rispetto al 2004), salvo poi calare in maniera repentina negli anni successivi, fino a raggiungere il valore minimo assoluto nel 2014, quando il capitale complessivo calò a 58,3 miliardi di euro.

Immobili ipotecati, forte crescita nel Sud Italia

Passando in rassegna i dati statistici per area geografica, l’analisi degli immobili ipotecati non può che soffermarsi sulle evoluzioni tendenziali delle principali macrozone tricolori dove emerge, come da attese, la prevalenza di immobili ipotecati nel Nord Italia, con 531.440 unità, il 57,9% del totale, con uno sviluppo del 3,5% rispetto all’anno precedente. L’equivalente capitale monetario è pari a 49,9 miliardi di euro, in aumento del 5,3% a/a, per il 53,4% del totale.

È tuttavia il Sud Italia a manifestare lo sviluppo più significativo, con una crescita del numero di immobili ipotecati pari al 7,1%, per un dato assoluto di 179.504 unità, o il 19,6% del totale, equivalente a un capitale di 16,5 miliardi di euro (+ 1,3% a/a), pari al 17,7% del totale. La quota residua è invece in capo al Centro Italia, con circa 195 mila immobili ipotecati al 2017, in incremento dell’1,4%, e un controvalore monetario di quasi 20 miliardi di euro.

Dando uno sguardo alla serie storica, si noti in tal merito come per quanto concerne la sola tipologia di atti residenziali, che includono mutui per abitazione e relative pertinenze, la dinamica in termini di numero di immobili e di capitale sia molto simile tra le varie aree geografiche, con il Sud Italia che cresce di più fino al 2007, ma poi controbilancia questa accelerazione con il peggior calo negli anni successivi, soprattutto nel 2012. Fino al 2017 gli andamenti delle macro aree risultano poi quasi sovrapponibili.

Per le altre tipologie di atti, e soprattutto per gli atti di immobili non residenziali, il Sud mostra andamenti che si discostano maggiormente dalle altre aree del Paese, con un trend molto più volatile rispetto alle altre macrozone tricolori.

aidaimmobiliare

Agenzia Immobiliare at AIDA Immobiliare
AIDA Immobiliare è composta da un team professionale e qualificato e sempre aggiornato nel settore immobiliare.
Operiamo nelle nelle provincie di Ferrara, Ravenna e Bologna e gestiamo anche operazioni di investimento estero con particolare attenzione al Portogallo. Sempre alla ricerca di innovazione, di cui questo Blog ne rappresenta la testimonianza.
aidaimmobiliare

Condividi
  •  
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares