VENDERE E COMPRARE CASA ? COME FARE ?

 

Uno dei principali motivi per cui si vende casa è  certamente per cambiare abitazione.

Molto spesso i proprietari hanno il dubbio se muoversi prima nell’acquisto

della nuova casa e poi vendere o viceversa.

La scelta è complessa e se privi di una corretta pianificazione, comprare casa e vendere casa contemporaneamente

porta a un notevole stress.

Anche tu ti stai chiedendo come poterti muovere ?

Leggi di seguito .

Vendere casa prima di acquistare una nuova

Iniziamo da questa possibilità:

la vendita del proprio immobile, e solo dopo effettuare l’acquisto del nuovo appartamento.

  • È evidente che questo tipo di operazione comporterà una serie di vantaggi in capo al proprietario, come ad esempio la possibilità  di poter disporre del denaro per poter effettuare lo passaggio successivo, e di essere certo del budget che si potrà impiegare per il compimento dell’operazione, finalizzando così in modo più opportuno la propria ricerca tra le offerte immobiliari disponibili.
  • Il proprietario immobiliare potrà evitare di svendere il proprio attuale appartamento, a causa della tentazione di abbassare il prezzo per poterlo collocare più rapidamente sul mercato, e potrà eventualmente impegnarsi con un nuovo mutuo, grazie all’estinzione di quello precedente, con il ricavato della vendita.
  • Tuttavia, in questo scenario non permette subito di sistemarsi nella nuova abitazione e potrebbe sorgere la possibilità di doversi trovare situazioni temporanee, come un affitto breve, con conseguenti spese e disagi.

Comprare casa prima di vendere quella attuale

  • Di contro, se si compra casa prima di vendere quella attuale, il proprietario non correrà certamente il rischio di liberare l’appartamento prima del tempo,  perché non avendo ancora  venduto la propria abitazione, non avrà alcuna scadenza fissata con l’acquirente.
  • Questa strada è perseguibile in modo efficace solamente da parte di coloro che hanno la giusta liquidità per poter adempiere a tale nuovo impegno, o che possono comunque accedere a un mutuo con ragionevole certezza. Per gli altri, rimane invece il rischio di perdere la caparra versata per la nuova casa, nell’ipotesi in cui non si riuscisse a vendere quella attuale, e reperire così i mezzi necessari per poter portare a compimento l’acquisto.
  • Inoltre, ci si potrebbe esporre al pagamento di maggiori imposte e spese se non correttamente gestite le tempistiche di vendita e riacquisto.

Ti chiederai allora la mossa giusta qual’è?

Da quanto scritto sopra appare evidente come non vi sia una soluzione preferita, ma come in realtà vi sia l’esigenza di  selezionare attentamente ogni percorso.

Questo è uno dei casi in cui l’esigenze specifiche vanno considerate attentamente e per non incorrere in problematiche serie si può chiedere il servizio attento del  Consulente Immobiliare professionista

Con lui si potrà organizzare in maniera coordinata e tranquilla i passi da effettuare per il corretto svolgimento di entrambe le transazioni.

Contatta la nostra agenzia per saperne di più! Siamo disponibili ad aiutarti.

  • 7
    Shares

SETTORE CASA DOPO IL 2020

Cosa è successo da marzo a dicembre 2020?

Le conseguenze della pandemia  hanno investito anche il Settore Casa. Già da subito le previsioni non erano delle più rosee. Dalle varie relazioni fatte sull’argomenta degli studiosi di Nomisma e dei vari esperiti del settore, si attendevano  flessioni considerevoli sia sui prezzi che sul numero delle compravendite.

Queste previsioni, sotto alcuni  aspetti, erano esatte:  in primo luogo la flessione del numero delle compravendite.

La diminuzione delle compravendite è stato determinato non solo dall’inattività del settore nei due mesi di lockdown, ma soprattutto dalle conseguenze economiche sui bilanci delle famiglie di quella inattività e della parziale attività dei mesi successivi.

Per quanto riguarda i prezzi,  nei primi mesi di ripresa dell’attività,  c’è stata una  sostanziale tenuta, questo perché  le crisi precedenti, soprattutto quella del 2008, hanno insegnato è che in Italia i prezzi rea

giscono con ritardo, con grande lentezza, rispetto all’evoluzione dei contesti.

Questo è un elemento di salvaguardia della solidità patrimoniale, tuttavia  è allo stesso tempo penalizza il mercato, specialmente per quelle famiglie che avranno  l’esigenza di monetizzare per garantirsi un mantenimento del proprio tenore di vita.

Quale sarà il futuro delle nostre case?    

In Italia i prezzi delle case scenderanno in misura significativa già nel corso del 2021, una tendenza particolarmente marcata al Nord.

Proprio nelle zone in cui le quotazioni degli immobili erano in moderata espansione alla fine del 2019.

Non sono quindi bastate le visite virtuali e gli acquisti di immobili on-line, che le agenzie hanno garantito in questi mesi:  il calo delle compravendite oscillerà infatti tra le 40mila e le 110mila unità in meno che, in termini di fatturato, corrisponderà a quasi 20 miliardi in meno di volumi.

L’impatto del contagio toglierà  alle città tutti i “vantaggi” avuti sinora: la diminuzione dei prezzi sarà forte  e si presume che raggiungerà il 12% a Milano, 10% a Bologna.

A Roma andrà leggermente meglio ma comunque  la riduzione dei prezzi oscillerà tra il 3% e il 10% da qui ai prossimi tre anni.

Saranno meno toccate dal problema le piccole realtà.

Non va meglio sul fronte affitti: l’emergenza in molti casi ha reso difficile per molte famiglie italiane provvedere al versamento del canone di locazione mensile.

Il governo ha previsto una serie di misure di sostegno per le fasce di reddito più basse ma la sensazione è che molte case si deprezzeranno ed aumenterà la richiesta di “affitti brevi”.

Insomma, una pesante battuta d’arresto per un settore che, dopo il brusco calo del 24% delle quotazioni tra il 2010 e il 2019, stava tornando finalmente a vedere la luce.

SI RIAPRE IL 4 MAGGIO 2020 !

TUTTI GLI Agenti Immobiliari DEVONO mettere in sicurezza Agenzia, lavoratori e clienti e seguire specifici passaggi per riaprire senza rischi, e noi per primi ci siamo attrezzati per poterlo garantire.

In questo articolo proviamo a definire i passaggi effettuati per mettere in sicurezza l’Agenzia Immobiliare, Agenti  e i nostri clienti.

Nei prossimi mesi sarà fondamentale adottare un vero e proprio protocollo di sicurezza, rendendo l’Agenzia Immobiliare un ambiente agibile senza patemi. Questo permetterà noi Agenti Immobiliari di vivere serenamente il luogo di lavoro portando avanti le mediazioni. Soprattutto, agirà da rinforzo per i  nostri clienti, che saranno tranquilli di poter fare affari con professionisti che hanno a cuore la salute e la sicurezza.

La sorta di protocollo di sicurezza per riaprire le nostra Agenzia deriva dalle linee guida dell’OMS, del Ministero della salute, della Associazioni di categoria e da esperienze di successo che sono avvenute (o stanno avvenendo) in altre realtà . Si tratta di adottare comportamenti adeguati e modificare lo spazio di lavoro per prevenire possibili contagi e contenere il rischio.

Protocollo di sicurezza per riaprire: 

La prima regola, dunque, è di lavarsi frequentemente le mani, o utilizzare  gel disinfettanti a base alcolica che abbiano una percentuale di etanolo non inferiore al 70% (come consigliato dal Ministero della Salute).

Il gel disinfettante a base di alcol sarà a disposizione per Agenti e clienti  all’ingresso dell’Agenzia. In caso di incontro, infatti, il cliente deve igienizzarsi le mani all’ingresso, perché è necessario che la procedura avvenga prima di accedere agli ambienti interni dell’Agenzia.  Va da sé che le strette di mano tanto care a noi  Agenti Immobiliari dovranno essere evitare per un po’ ! 

Vi chiediamo di entrare indossando guanti in lattice (che vanno comunque regolarmente cambiati) mascherine protettive del  tipo Ffp3 senza valvola. Ma se non se ne ha disponibilità vanno bene anche le semplici chirurgiche!

In Agenzia  la distanza da mantenere è di almeno un metro. Quindi bisognerà prestare attenzione a non avere contatti ravvicinati  ed è per questo che abbiamo messo alla Reception una banda di distanziamento oltre ad un supporto salva fiato in plexiglas.

Per quanto riguarda  il divieto di assembramenti ormai noto a tutti: appuntamenti e incontri devono prevedere un numero minimo di compresenti. Riunioni o contatti non necessari verranno gestiti a distanza e il  nostro calendario verrà  organizzato per contingentare le presenze.  Ed è per questo contesto ci preme sottolineare che abbiamo attivato  alcuni servizi che ci permettono di evitare all’essenziale gli incontri fisici e sono i seguenti:

A) Il servizio di firma elettronica di che ci permette  di firmare contratti a distanza con valore probatorio attraverso questo sistema noi Agenti  possono portare avanti le pratiche dei nostri clienti  senza per forza effettuare l’incontro fisico.

B) La visita virtuale all’immobile attraverso appunto VIRTUAL TOUR  con un sistema che tramite una videocamera a 360°  vi permetterà di visionare l’immobile direttamente da remoto in agenzia oppure attraverso il VIRTUAL OPEN HOUSE, che sarà un evento programmato attraverso una piattaforma in videoconferenza e attraverso un appuntamento stabilito tramite il quale tutti potranno partecipare alla visione dell’immobile direttamente dal divano della propria casa.

Un secondo gruppo di “buone pratiche” che adotteremo per la sicurezza nostra e vostra saranno i seguenti:

L’aerazione frequente degli ambienti  ogni 2 ore in modo da evitare l’imprigionare il virus tra le mura dell’Agenzia,  inoltre attraverso il riciclo naturale dell’aria,  con l’impianto di aerazione che verrà pulito regolarmente.

La sanificazione degli spazi è un aspetto a cui presteremo particolare scrupolo. Ogni superficie verrà lavata con prodotti igienizzanti certificati, soprattutto quelli che entrano in contatto diretto con i nostri clienti, per esempio pavimenti, scrivanie, maniglie, sedie, tastiere del pc.

Scopriamo la psicologia del colore, per dare la giusta sfumatura alla nostra casa

Vi siete mai fermati a riflettere quanto i colori presenti in ogni singolo ambiente di casa, influenzino la personalità di quella stanza? Variando anche solo le tonalità o gli accostamenti, si può completamente stravolgere la percezione che abbiamo di quell’ambiente. La psicologia del colore studia, in quest’ottica, gli effetti che ogni sfumatura produce sul nostro animo. Che vogliate una stanza calda e accogliente, una camera che vi dia la giusta energia per affrontare la giornata o un ambiente rilassante in cui scaricare lo stress alla sera, provate questi consigli, siamo sicuri che vi sorprenderanno. La psicologia del colore. La psicologia del colore analizza il comportamento alla percezione di una determinata colorazione e studia l’effetto che essa comporta sul nostro stato d’animo. Ogni tonalità, infatti, infonde nel nostro animo e nel nostro spirito diverse sensazioni, che possono realmente influenzare il tempo che passiamo in una determinata stanza. Ecco, dunque, quali sono gli effetti provocati dai principali colori utilizzabili in casa.

Risultato immagini per colori casa bianco

Bianco. Il bianco è il colore della purezza, della spiritualità, dell’innocenza, ma soprattutto un colore senza tempo, che non passerà mai di moda. La caratteristica fondamentale del bianco è la capacità di moderare l’illuminazione di una stanza. Usato sapientemente, infatti, non solo viene sfruttato per donare luce agli ambienti meno luminosi; ma può anche ampliare visivamente una stanza piccola. Per la psicologia del colore, il bianco è un colore che trasmette serenità e tranquillità, oltre che dare un senso generale di pulizia e chiarezza. È dunque il colore ideale per tenere alto il morale e scaricare un po’ lo stress.Risultato immagini per colori casa grigio

Nero. In linea di massima, il nero è collegato al buio e al mistero, ma anche alla formalità. In casa, se usato senza esagerare, riflette eleganza e sofisticatezza. Proprio per questo, negli ultimi anni, è diventato uno dei colori più utilizzati da molti designer nazionali e internazionali. Il consiglio è di utilizzarlo con parsimonia, perché assorbe la luce e, dal punto di vista spaziale, funziona al contrario del bianco. Sulle pareti, ad esempio, è quindi meglio utilizzarlo solo se abbinato ad altri colori o, in generale, come accessorio a colori vivi.

Risultato immagini per colori casa rosso e arancione

Rosso e arancione. Il rosso è il colore delle passioni positive, come l’amore, ma anche negative, come l’ira. È un colore sgargiante, perfetto per personalità estroverse, che dona molta energia, forza e calore. In poche parole irradia vita, per questo è consigliabile utilizzarlo negli ambienti che richiedono più dispendio energetico. Al contrario, è da evitare in camera da letto o comunque nelle stanze dedicate al riposo. Anche l’arancione è un colore molto caloroso, brillante, quasi incandescente. Stimola anch’esso la vitalità ed è adatto, ad esempio, alle stanze da gioco dei bambini, perché incentiva la vivacità, il divertimento, il movimento e la fantasia. Al contempo (e al contrario del rosso), rilassa il sistema respiratorio e aumenta l’ottimismo, diminuendo la fatica accumulata. Aiuta anche l’appetito, dunque si rivela perfetto per la stanza in cui, di norma, si consumano i pasti. Infine, è perfetto per gli ambienti in cui si riunisce la famiglia e in quelli in cui si accolgono gli ospiti, perché invita ad essere socievoli e gentili.

Risultato immagini per colori casa giallo

Giallo. Il giallo è il perfetto compromesso che unisce le qualità del bianco e dei colori caldi. Dal punto di vista visivo, infatti, allarga gli ambienti donando luminosità alle stanze, anche quelle più strette o che godono di poca luce naturale. Il giallo è, inoltre, il colore del sole e dona felicità e allegria, funge da energizzante, senza però essere aggressivo come, ad esempio, il rosso. Le tonalità del giallo, inoltre, stimolano le attività mentali e l’ispirazione creativa, avendo proprietà anti-fatica, che aiutano lo sprigionarsi dell’intelletto in ogni sua forma. Risulta quindi un colore perfetto per gli ambienti di lavoro, di studio o in cui si da sfogo alla creatività. È comunque molto utilizzato anche per cucine, soggiorni e sale da pranzo.

Risultato immagini per colori casa blu

Blu e azzurro. Sono colori freddi, che trasmettono pace e fiducia: hanno un effetto rilassante sul nostro organismo, che invita al riposo. Perfetto quindi per le stanze da letto, in particolare per quelle dei bambini più energici e “agitati”. Blu e azzurro sono poi colori molto versatili, che possono essere abbinati con perfetto risultato estetico con colori e tonalità calde.

Risultato immagini per colori casa verde

Verde. È forse il colore più equilibrato, rappresenta la natura, la vita e la crescita. Trasmette pace, sicurezza, speranza: è un colore freddo, spesso utilizzato per neutralizzare i colori più caldi. È un colore rinfrescante, tranquillo, addirittura curativa, perché purifica donando energia positiva al corpo. Macchie di verde qua è là, nelle sue svariate sfumature, possono essere utilizzate in ogni ambiente.

Viola. Il viola è probabilmente il colore più eclettico che ci sia. È associato tanto al mistero e alla spiritualità, quanto alla pomposità, al lusso e alla magnificenza, tanto da essere stato il colore dei reali, in passato. Ha, inoltre, un effetto calmante, soprattutto nelle sue tonalità più tenui, quindi è perfetto per bagni e camere da letto. Evitare di esagerare col viola, però, è il diktat: basta una parete per trasformare l’ambiente in un interno caldo, stimolante e tonificante.

Risultato immagini per colori casa marroneMarrone. Colore accogliente e naturale, il marrone ispira sicurezza, protezione e abbondanza. Nella maggior parte delle persone trasmette un senso di comodità e di eleganza: è dunque ideale per sale e salotti. Altra grande proprietà del marrone, inoltre, è quella di essere abbinabile a qualsiasi altro colore, grazie alla sua spiccata neutralità.Risultato immagini per colori casa grigio

Grigio. Il grigio è un colore neutro, che enfatizza ed evoca valori spirituali e intellettuali. È un colore decisamente equilibrato, ma anche sofisticato ed elegante. Chi lo sceglie, spesso evoca negli altri un senso di sicurezza e indipendenza: è perfetto per gli uffici e, in casa, per lo studio. Si può utilizzare anche in altri ambienti di casa, ma meglio se associato a colori più vivaci

 

Mercato immobiliare, nel 2018 crescono unità residenziali e rendite

Stando a quanto riepilogano i dati forniti dall’ultimo report sulle statistiche catastali dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, lo stock immobiliare italiano nel 2018 è cresciuto dello 0,6%, per circa 400 mila unità in più rispetto al 2017. Lo stock è per l’88% riconducibile alla proprietà  di persone fisiche, per l’11,5% a persone non fisiche, per lo 0,2% a proprietà comuni. Continua a leggere Mercato immobiliare, nel 2018 crescono unità residenziali e rendite

Il piacere degli italiani per l’immobiliare: compravendite ancora in crescita secondo l’OMI

Stando agli ultimi dati elaborati e diffusi dall’Osservatorio del mercato immobiliare – Agenzia delle Entrate, le compravendite nel settore residenziale sarebbero cresciute ancora, nel primo trimestre 2019, prolungando un trend di espansione che dura dal 2014.

Più nel dettaglio, il report tendenziale sottolinea come il tasso di crescita sia stato dell’8,8% nella primissima parte d’anno, in leggero rallentamento a quel + 9,3% che aveva contraddistinto l’ultimo quarto del 2018, e con un dato destagionalizzato del numero di transazioni ai massimi livelli dall’inizio della serie storica del decennio. Continua a leggere Il piacere degli italiani per l’immobiliare: compravendite ancora in crescita secondo l’OMI

Nuovo Euribor dal 2022: come prepararsi ai cambiamenti sui tassi variabili

Doveva essere la grande novità del 2019 e, invece, il nuovo Euribor non arriverà prima del 31 dicembre 2021, termine ultimo concesso dalla Commissione Europea per poter favorire una più consapevole conversione tra l’attuale parametro e il nuovo.

Ma che cosa succederà con l’avvento del nuovo Euribor? Quali saranno gli impatti per coloro che hanno un mutuo a tasso variabile? Continua a leggere Nuovo Euribor dal 2022: come prepararsi ai cambiamenti sui tassi variabili

Buona crescita del mercato dei mutui casa

Il bollettino ABI del mese di aprile ci segnala una positiva dinamica dei prestiti alle famiglie e alle imprese, che nel corso del precedente mese hanno fatto registrare una crescita su base annua pari all’1,0%. Una evidenza ottenuta dall’analisi dei dati della Banca d’Italia, e che in relazione al settore dei mutui fa rilevare uno sviluppo del 2,5%, anno su anno. Trova così ulteriore conferma quanto già nel sentore degli operatori di mercato, che avevano anticipato il prolungamento di una oramai consolidata strada di sviluppo. Continua a leggere Buona crescita del mercato dei mutui casa

Portogallo, un mercato immobiliare sempre più forte e conveniente

Alimentato dalla domanda estera da una parte, e da un buon programma di incentivo interno, il mercato immobiliare portoghese si è sviluppato con particolare intensità nel corso degli ultimi anni e – almeno stando ad alcune delle più recenti analisi compiute – pare che tale forza possa prolungarsi positivamente anche nelle prossime stagioni, favorendo la crescita dei prezzi delle case e, dunque, inducendo molti investitori a entrare ora in tale mercato in espansione. Continua a leggere Portogallo, un mercato immobiliare sempre più forte e conveniente